Caserta

Tours

La Reggia di Caserta è il capolavoro di Luigi Vanvitelli. Il suo progetto prevedeva un grande edificio a pianta rettangolare, con facciate uguali rivolte una sulla piazza d'Armi, l'altra sull'enorme giardino e quattro cortili interni.

Le facciate, realizzate in laterizi e travertino, hanno un basamento a bugnato, un doppio ordine di finestre ornate in parte di mezze colonne elesene e un ultimo piano sovrastato da una balaustra sulla quale era prevista una serie di statue, poi non realizzate.
Il progetto prevedeva anche due torri angolari, ai lati del palazzo e una cupola centrale, anch'esse mai realizzate. Il palazzo ha 1200 stanze, 34 scale e 1970 finestre. Insieme all'architettura del palazzo, Vanvitelli ideò il meraviglioso parco.

Nel 1751 re Carlo di Borbone incaricò l'architetto Luigi Vanvitelli di progettare un palazzo che potesse competere con le grandi residenze dei sovrani europei, scegliendo come luogo la pianura nei pressi di Caserta. Vanvitelli accettò la sfida e presentò un progetto che raccolse l'approvazione entusiasta del re e della regina, Maria Amalia di Sassonia. I lavori iniziarono nel 1752 e si protrassero, con alcune interruzioni, fino al 1774. Nell'ultimo anno, morto Luigi Vanvitelli, i lavori furono proseguiti dal figlio Carlo che li portò a termine senza però poter rispettare esattamente il progetto paterno.

Durante il regno di Ferdinando IV la reggia ospitava la corte in primavera e in estate ed era spesso teatro di feste, ricevimenti e battute di caccia; divenne poi la dimora preferita di Ferdinando II. Fece parte dei beni della corona fino al 1921, quando passò allo Stato. Durante la seconda guerra mondiale il palazzo fu gravemente danneggiato dalle bombe e poi restaurato. Il Complesso Monumentale Belvedere di San Leucio Carlo di Borbone nel 1750 acquistò dai principi Acquaviva di Caserta la collina di San Leucio, tenuta di caccia poco distante dalla Reggia. Il successore di Carlo, il figlio Ferdinando, pensò di promuovere la tradizionale attività di tessitura della seta e vi costituì una fabbrica per la produzione serica. In breve tempo trasformò tutto il territorio in un borgo manifatturiero, con una colonia stabile di setaioli. San Leucio è un esempio concreto della politica riformatrice dei Borbone che costruivano nuovi borghi per sperimentarvi impianti industriali sulla scia delle riforme e degli del “dispotismo illuminato” europeo della metà del ‘700. I nuclei più importanti sono l’appartamento reale, la sezione dell’archeologia industriale con l’esposizione degli antichi strumenti di lavoro, il museo della seta, i giardini del Belvedere e la casa del tessitore.
Il borgo è organizzato con al centro la piazza della seta e il portale settecentesco che dà accesso alla reggia-filanda e ai quartieri con le case operaie. Lo stile è razionale, funzionale e semplice. I decori sono essenziali.

Tour Caserta e le sue Meraviglie

Trasferimento a Caserta per visitare la famosa reggia borbonica. Definito “la Versailles di Napoli”, lo splendido palazzo reale, realizzato dall’architetto Luigi Vanvitelli, con le sue prestigiose sale ed i suoi ricchi appartamenti, sembra come avvolto dall’immenso parco, disegnato attraverso giardini maestosi e monumentali decorazioni. La visita prosegue al Belvedere di San Leucio, il borgo borbonico famoso per la produzione di sete di alta qualità.
All’interno del complesso monumentale, ci si imbatte in un percorso di archeologia industriale. Si trovano, oltre ai telai restaurati e ancora funzionanti, strumenti e attrezzi per la lavorazione della seta.

• trasporto privato
• guida
• Biglietti d’ingresso alla Reggia di Caserta / San Leucio
• Pranzo/Cena


Durata del Tour: 4 ore
Guida Turistica: In ogni Lingua
Servizio di trasporto: Transfers privato/A piedi
Servizi Tour: Ticket Ingressi

Sei interessato? Contattaci

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per restare sempre aggiornato sulle nostre iniziative. Prestigio Italia, un mondo di opportunità!
Terms and Conditions